La torta nuziale esoterica di Big Mom

LE CROCI, I TESCHI, LE ROSE, LA PIRAMIDE, E INFINE L’OCCHIO CHE VEDE LÀ.

(c’è tutto -per un rituale esoterico-, non manca niente)

Senza stare a scomodare la coincidenza che questi cinque simboli sono ampiamente stati usati singolarmente o associati tra loro in massoneria, e siccome non credo proprio Oda voglia trattare questo tema così direttamente per il suo manga, allora perché proprio questi?

Innanzitutto specifichiamo che l’occhio si vede solo grazie al gioco di prospettiva, ma non è casuale visto che risulta centrale nella regia, e soprattutto sovrasta l’intera area con le tre punte delle torri che lo indicano.
Il terzo occhio direi che è stato protagonista del capitolo e quindi direi che non ne parliamo, però bisogna accennare alla centralità dell’ haki dell’osservazione, che più o meno casualmente è un punto determinante del capitolo. XD
Poi… Beh, c’è un matrimonio di mezzo, quindi le rose cadono a pennello! Ah, però in simbolismo esoterico la rosa può significare che per raggiungere la “bellezza”; lo “scopo”, bisogna sacrificare qualcosa (per via delle spine)… quindi Sanji?
Perfetto!

E infatti già che ci siamo ci sono i teschi e le croci per fare un bel funerale! Solo che anche qui la chiave esoterica del teschio riguarda appunto l’agognata “immortalità” spirituale e il perseguimento dei propri scopi fino alla morte.
Allora c’è della confusione… oppure no!

Sulla croce non mi espongo più che dire che è simbolo di immortalità e potere da molto, molto prima che i cristiani la ribattezzarono come propria immagine, e quindi ridurla a una lapide è un po’ triste.
Io credo semplicemente che Oda abbia voluto caricare di valenza simbolica ed esoterica la torta, poichè in un unico rituale Big Mom sta celebrando la vita (matrimonio) e la morte (sacrificio), quindi documentandosi un minimo avrà visto che con poche informazioni sarebbe riuscito a creare un vero e proprio “monumento artistico” semplicemente usando alcuni tra i più celebri e comuni simboli della storia.

Quindi, senza troppe pippe mentali possiamo interpretare i simboli oggettivamente per quello che ci rappresentano rispetto alla nostra cultura (teschio-morte, rose-amore), per la loro chiave archetipica che risveglia il subconscio (prima ragione di esistere dei simboli) oppure per il significato esoterico, sicuramente più criptico.

Ma il senso di tutto rispetto alla trama?

Il rituale si è compiuto ragazzi… due persone sono morte all’altare. E non c’entra il prete. Sia Pudding che Sanji su quella piramide sono simbolicamente morti per rinascere, confermando quanto scritto sopra. Sanji dopo aver forzatamente esplorato il tetro anfratto del suo passato è finalmente un uomo nuovo che sa chi è, e cosa vuole.  Questo gli darà nuova energia per superarsi e dominare l’haki che gli viene innato data la sua sensibilità ed empatia: la tonalità dell’osservazione.
Mentre Sanji è arrivato al rituale interiormente maturo e pronto a reagire, Pudding è appena crollata e dovrà fare i conti con la realtà. Al momento è in preda alla morte spirituale, e non si sa come potrebbe rinascere viste le più personalità che convivono (malissimo). Ma il nostro Mister Prince sembra avere un potere speciale, un potere che è in grado di entrare nel cuore delle persone, e di questo ho molta fiducia.

PS: Tra l’altro il prete (con la testa a pentacolo) è morto fisicamente adempiendo al sacrificio di sangue al posto di Sanji. Vero Agnello di Dio. Quindi il rituale della morte voluto da Mom si è effettivamente compiuto, manca però il bacio che sancisce la vita, arriverà? E con chi?

Scusate la lunghezza.

-Tatzel Wurm-

3/5 (4)

Dacci la tua valutazione!