Il piano di Pudding

Charlotte Pudding: cos’ha in mente?

In questi giorni non si parla d’altro: Pudding, secondo molti, dovrebbe togliersi la vita; secondo altri, farà solo finta di suicidarsi. Francamente, per me non avverrà ne l’una ne l’altra soluzione, e vi spiego rapidamente perché:

  1. Una persona che ha realmente questa intenzione non lo dice mai a nessuno, per ovvi motivi. Al massimo lascia qualcosa per iscritto.
  2. In One Piece, che di suo è uno shonen, il tema del suicidio è già stato toccato con Baby 5 e Kaido. Abbiamo già potuto appurare il modo in cui Oda si approccia a temi simili. Se mai dovesse farla suicidare davvero, io, lo dico e lo faccio, smetto di leggere One Piece a vita.
  3. Pudding sta agendo, non tanto per sé, quanto per Sanji. Se si ammazzasse per renderlo libero, lo distruggerebbe emotivamente ancora di più. Altro che rabbia da Super Saiyan.
  4. Oda è un bastardo, e la maggior parte dei suoi lettori di volta in volta cade nelle sue trappole come un fesso. Ricordate la saga di Zo, quando Nami, in lacrime, disse a Luffy che era capitato qualcosa di brutto a Sanji? Da che si pensava che fosse rimasto gravemente ferito, o chissà che, si scoprì che in realtà non l’avevano neanche rapito… se ne era andato lui di sua spontanea volontà, giusto per risolvere una questione personale. Sono i soliti cliffhanger alla caz*o di cane usati da Oda per mettere suspense e apprensione, per poi trollarci tutti.

Piuttosto, è giusto e lecito pensare che accadrà qualcosa che farà arrabbiare Sanji oltre ogni dire, con o senza il famoso risveglio dei geni sopiti. Questo è principalmente il motivo per cui Oda ce lo ha presentato in versione “principessa”. C’è chi non l’ha gradito. Io, pur non essendo un fan del personaggio, devo dire di aver apprezzato molto questa scelta, perché pone esattamente le basi per il discorso che stiamo facendo.

Sanji ha metabolizzato la faccenda. Ha passato le ultime ore cercando di assicurarsi che quella fosse la soluzione migliore per tutti. Ha persino parlato con Big Mom, pur di essere assolutamente certo che ogni sua prossima mossa non avrebbe comportato ritorsioni sui suoi amici. Adesso è completamente immerso nel ruolo di futuro sposo, di amante perfetto e galante quale sente di esser sempre stato.

Cosa accadrà, quindi?

Provo a teorizzare un poco, sparandone qualcuna qui e li.

Charlotte Pudding Lola

Premessa. Nell’immagine scelta, Lola dice una frase interessante: “Non preoccuparti, non mi ucciderà”. Questa frase mi ha dato un po’ l’input per quanto segue.

Pudding da persona buona, sincera e “ingenua”, secondo me, dirà a Big Mom che non ha intenzione di sposarsi, molto probabilmente giustificando l’azione di sua sorella Lola e dicendo di voler essere parimenti libera di scegliere il suo matrimonio, convinta che Big Mom non le farà nulla, proprio come è accaduto con Lola. Ma l’imperatrice, già furente per l’azione di Lola, perderà il senno e attaccherà Pudding. Probabilmente le risucchierà anni di vita fino a ucciderla (?!) proprio come fece con Moscato (??!)… tutto questo sotto gli occhi di Sanji.

A quel punto ogni certezza del cuoco crollerà. Venuta a mancare colei che lo teneva saldo alle sue vacillanti convinzioni, tornerà a ponderare l’idea di partenza: sconfiggere l’intera ciurma dell’imperatrice e guadagnarsi la propria libertà.

Per tutto il resto, sebbene quanto detto è già difficile che accada, non resta che stare a vedere.

Ray

4.08/5 (13)

Dacci la tua valutazione!

Continue Reading

X-Ray Analysis – Capitolo 845

Capitolo 845

Questo capitolo 845… What a feeling!! ♫ ♩ ♬ ♥

Miei cari amici e lettori, ben ritrovati.

Giunto a rimorchio di un 844 altrettanto carico di emozioni, ben disegnato e ben sceneggiato, testimonia con forza la bravura di Oda nel rendere scene traboccanti pathos, qualcosa la cui intensità mancava almeno dai tempi di Senor Pink. Ma la cosa che più mi piace è che non parliamo di un flashback (dove i feels sono sempre dietro l’angolo) bensì di una scena attuale, in piena evoluzione, il cui finale temo sia tutto fuorché scontato.

Ciò che Oda ci propone nel capitolo 845, con immensa e indiscutibile maestria, è l’intreccio di due drammi: quello del cuoco e quello del suo capitano.

Sanji si trova a non avere più alcuno scampo. Sente di aver messo un muro fra se stesso e il resto di coloro che per 13 anni hanno reso la sua vita un po’ meno infernale, per il loro stesso bene.
Luffy invece, rincuorato dalla stessa Pudding il giorno prima (perchè se ricordate disse loro che Sanji, nonostante tutto, non poteva sposarla perchè sarebbe dovuto tornare dai suoi compagni) si illude che lui tornerà, e sceglie, contro ogni ammonimento di Nami, di rimanere esattamente dove si trova e di affrontare tutti coloro che vorranno spazzarli via, ovvero l’Armata della rabbia, da cui il titolo.

Direi che dopo aver letto questo capitolo con attenzione i conti cominciano a tornare. Erano (e temo siano ancora ora) molti quelli che sostenevano un possibile comportamento doppiogiochista da parte di Pudding, cosa per altro lecita, ma che a mio parere è ormai quasi del tutto inconsistente. È evidente che quanto da lei raccontato sull’incontro avuto con Sanji la prima volta, e su ciò che lui le ha detto, fosse vero, giacché non vi erano ancora i vincoli fisici e psicologici (manette e ricatti, per intenderci) che sussistono adesso, e che lo hanno costretto a fare ciò che ha fatto, disattendendo le aspettative dei suoi compagni. Aspettative che sono figlie di quanto detto da Pudding in quella famosa scena, che di seguito andiamo a rivedere:

sanji_4

sanji_5

Questo è il motivo principale per cui Luffy, al di là delle proprie convinzioni pregresse sul suo cuoco di bordo, conta fermamente sul fatto che Sanji tornerà, tant’è che si rifiuta anche solo di spostarsi in un posto più riparato per timore che l’altro tornando e non vedendolo possa pensare che il suo capitano abbia rinunciato a lui. Abbiamo ancora una volta una dimostrazione di forza d’animo, o di volontà, da parte di Luffy. Qualcosa che affonda le radici ai tempi delle promesse riguardanti il 3D2Y, ed il famoso: “li proteggerò tutti”. Qui comincia la vera sfida, sia fisica che psicologica, perchè a voler ben notare, è un braccio di ferro a chi cede prima: il corpo o la mente?

In un modo o nell’altro, mi piacerebbe che, oltre ad un duello in collaborazione con Nami che cerca di contrastare la tempesta scatenata da Prometheus e Zeus, Luffy sfoderasse una volta per tutte la tonalità del Re Conquistatore, nella sua forma più classica, pura e figa, perchè credo sia arrivato il momento di stenderne qualcuno in più.

Ed è molto bello il modo in cui Oda rende lo svolgimento contemporaneo delle scene che riguardano Sanji e Luffy, compenetrando immagini dell’una con i testi dell’altra, in un crescendo di colpi e dialoghi che preparano il lettore al momento clou. Frasi e parole che colpiscono con la stesa forza del Hawk Gatling che si consuma sul campo di battaglia. Capitolo 845.

Ma arriviamoci con calma, perchè è uno dei momenti più belli ed emozionanti che mi sia capitato di leggere nel corso dell’intero manga.

Dopo aver lasciato Sanji in preda ai sensi di colpa e alle lacrime, lo ritroviamo svuotato, passivo, silente, a vivere in pieno la quinta ed ultima fase di elaborazione del suo dramma (che vi spiegavo nello scorso commento essere paragonabile ad un vero e proprio lutto, dato dalla perdita della propria libertà). Una inerzia e una indifferenza da cui si desta solo quando Yonji pone l’accento sul potenziale combattivo smisurato dei componenti dell’armata di Big Mom. Ancora una volta la mente corre a Luffy e l’espressione tradisce in pieno tutta la sua preoccupazione. Qualcosa che comunque è costretto a tenere per se, dato che l’incontro con BM è ormai prossimo.

La scena cambia e ci ritroviamo nel bel mezzo del pranzo pre-matrimoniale. Un evento tutto sommato molto più mondano di quanto mi fossi immaginato, fatte salve le scene esilaranti con le teiere e i pancake. Ci troviamo ad assistere ad uno scambio di battute rapido fra Jajji e Rinrin, che lascia subito intendere quale sia il reale scopo di tutta quella messa in scena. Fra i due, quello con l’atteggiamento più soft è proprio Jajji, che non vacilla nemmeno un secondo al cospetto di un imperatore, forse perchè sa di avere al seguito i fiori all’occhiello della sua armata, oppure perchè… beh, non voglio ancora sbilanciarmi troppo su questo punto. Capitolo 845.

La scena cambia ancora, e stavolta ci troviamo negli alloggi di Pudding, dove ad una prima occhiata, salta subito all’attenzione una specchiera elegante e voluminosa, che noi sappiamo poter rappresentare una potenziale via di comunicazione fra Sanji e Chopper. Chissà che non possa rappresentare persino una potenziale via di fuga.

sanji_2

Qui vediamo Pudding scusarsi con Sanji per non essere stata in grado di mantenere la parola data ai suoi compagni, rivelando di essere l’artefice del piano che ha portato Luffy su Whole Cake Island praticamente incolume e inosservato. Piano che però ha decretato anche l’inizio di tutti i guai. Capitolo 845.

La faccenda comincia a farsi più interessante quando la figlia di Rinrin comincia a mettere in guardia Sanji dei trucchi con cui Big Mom, ormai esperta in fatto di matrimoni combinati, costringe le vittime a sposarsi. Non fa in tempo a spiegare del tutto la storia dei bracciali che Sanji mostra di averli già. Questo se non altro è sintomatico non solo del fatto che Big Mom è molto più scaltra di quanto potesse sembrare, ma anche di quanto sia singolare il matrimonio attuale rispetto ai precedenti, se persino Pudding è rimasta sorpresa da una così repentina “messa in sicurezza” dello sposo. Come se non bastasse, Sanji racconta anche il dramma costituito dal pessimo rapporto che ha con i suoi familiari, come testimonia a caratteri cubitali il suo viso tumefatto. Capitolo 845.

Toglie quindi la maschera, e non solo dal viso. Forse proprio perchè consapevole di non avere più nulla da perdere, sceglie di mostrarsi per ciò che è realmente… sceglie di fidarsi di lei. E comincia: parla della sua infanzia e dell’inferno che ha dovuto vivere sulla propria pelle pur essendo di stirpe reale,  spiegando che è stata proprio l’impossibilità di provare gioie a spingerlo a credere a qualcosa della cui esistenza non era nemmeno sicuro (l’All Blue) e che a sua volta lo ha convinto a prendere il mare. Un mare che per lui, come per molti altri, ha costituito un nuovo inizio, una seconda chance, un modo se non altro migliore per poter apprezzare quella vita che già di suo aveva ben poco di “naturale”. Capitolo 845.

Riassume i 13 anni successivi come una lunga, felice parentesi, durante la quale ha conosciuto coloro che lui considera i suoi “salvatori”. Tutti, in un modo o nell’altro, hanno contribuito ad alleggerire il suo cuore, ed ora il timore che possa venire loro fatto del male lo ha convinto a deporre le armi ed accettare passivamente ciò che verrà, senza opporre resistenza. Parla dei suoi timori per Zef, per Luffy e per tutti coloro su cui ormai non può più fare affidamento, semplicemente perchè da forza e pilastri esistenziali, son diventati di colpo la sua vulnerabilità più grande. Capitolo 845.

“Vorrei semplicemente sparire dalle loro vite senza ferirli.”

Pudding scoppia a piangere. Si sente in qualche modo responsabile, perchè in fin dei conti Rinrin è pur sempre sua madre. Si è innamorata di quel ragazzo, e non lo sa ancora.

sanji_3

Si lascia andare in preda all’istinto, alla compassione… all’amore.

Si ritira subito, imbarazzata, ma ormai irrimediabilmente coinvolta. Cerca di riprendere le distanze, ma è Sanji che le azzera nuovamente. Lui ha capito.

“Tu… sei la mia unica salvezza adesso. Se davvero non ti dispiace ciò che sono, allora…”

sanji_1

 

Vada come vada, questa scena sintentizza qualcosa che forse non si è mai visto fin’ora: l’amore nascente fra due personaggi non secondari. Niente a che vedere con le classiche menate tragicomiche del passato. Un sentimento che è foriero di speranza, di nuova linfa vitale, e che rappresenta soprattutto per Sanji una vera e propria ancora di salvezza, l’unico compromesso accettabile per tirarsi fuori da quell’inferno di vita che si porta appresso… in altre parole, la redenzioneCapitolo 845.

Ecco perchè per me rimarrà la migliore scena del 2016.

Non importa se in realtà si dimostrerà solo un fuoco fatuo in futuro, anche perchè un sentimento del genere è pur sempre penalizzante nei riguardi una prospettiva di vita da pirata. Ciò che importa è la bellezza indiscutibile di una scena simile, data dalla potenza espressiva di immagini e parole, attraverso cui è possibile cogliere una marea di concetti, rimandi, allusioni, etc. Qualcosa per la cui esaustiva trattazione ci vorrebbe ben più che una misera analisi riassuntiva come questa.

In altre parole un personaggio come Sanji meriterebbe molto più tempo e più riflessioni, ma la vita è il nemico. Ergo spero di avere tempo sufficiente nella settimana di pausa per buttare giù con più calma impressioni a più ampio spettro su di lui e Pudding.

Non è mia abitudine intraprendere analisi di carattere sentimentale, quindi spero di non avervi annoiato. Fatemi sapere le vostre impressioni.

Alla prossima.

Ray

4.81/5 (32)

Dacci la tua valutazione!

Continue Reading