X-Ray Analysis Capitolo 768 – Quel grilletto quel giorno

Capitolo 768

Benvenuti alla X-Ray Analysis, che, tempo permettendo, sarà un appuntamento settimanale sul capitolo 768.

Probabilmente l’avrete già notato, ma adoro i giochetti che Oda effettua coi nomi, così prendendone pallidamente spunto ho dato un nome a questa rubrica 🙂
Anzitutto volevo ringraziarvi per le spolliciate. Siamo quasi 500 e non è passata neanche una settimana dall’apertura ufficiale della pagina! Siete i migliori! 😀 Grazie!! Devo dirmi particolarmente contento di questo capitolo, non solo perchè finalmente termina questo benedetto flashback strappalacrime, ma perchè scopriamo un paio di cose che, in buona parte, avevo ipotizzato tempo fa.
Ma veniamo al dunque.

Miniavventure

Il capitolo 768 si apre con un altro episodio delle mini avventure di Jinbe. Se ricordate, il nostro cavaliere del mare si era fatto carico di aiutare un povero gatto di mare a ritrovare la strada di casa. Ma incredibilmente scopriamo che la casa non c’è più! Dopo varie peripezie con alcuni naviganti in procinto di
colare a picco con tutta la nave (attaccata sicuramente da qualche mostro marino), ecco che, grazie al gazzettino onnipresente, Jinbe viene a conoscenza della cronaca più recente. In particolare in un articolo viene riportato un attacco ai danni della città portuale, da parte di un branco di mostri marini che asso-migliano tanto a quelli visti quando i Mugiwara arrivarono su Fishmen Island.

Qualcosa deve certamente aver fatto infuriare queste belve, ed è plausibile pensare che il problema riguardi la scomparsa delle offerte al Dio del Mare (che presumo sia Nettuno, come viene detto durante la saga degli uomini pesce). Ma non si spiegherebbe come mai cadono rovine e pesci dal cielo!

 Potrebbe essere opera di una nuova Knock Up Stream?
Se ricordate, il paese del piccolo gatto di mare è stato spazzato via. Rimaneva soltanto una casa riversa su un fianco. Le rovine, fra cui anche la casa del gatto di mare, le ritroviamo alla città portuale, e cadono dal cielo! Assieme con esse una scia di quella che sembra acqua e perfino un pesce (che dovrebbe essere il cane poliziotto di prima!) !! Chissà, magari quelle bestie marine hanno perso qualcosa di caro durante la formazione del vortice, e per ignoranza adesso se la stanno prendendo con la gente della superficie, perchè credono che sia stata opera loro. La butto lì, ma non è che mi convinca tanto.
Un’altra idea potrebbe essere questa: un uomo pesce particolarmente potente che, attraverso il karate degli uomini pesce, proietta in aria case e animali, come Jinbe fece con Luffy a Marineford. Questo spiegherebbe come mai il cane poliziotto che poco prima era assieme a quella casa sul fondale, ora sta cadendo dal cielo. Un villain adatto a jinbe?
Vedremo nel prossimo episodio che cosa succederà.

Allegre sgrillettate

Si parte quindi dalla fine del flashback di Law, con il ricordo delle ultime volontà di Rosinante. Corazon voleva che Law fosse libero, ma lui sa che non lo sarà mai davvero se prima non elimina Doflamingo, premendo quel grilletto che 13 anni prima Cora non era riuscito a premere.
Ebbene, lo vediamo creare la Room, che adesso sappiamo esser retaggio della Room Insonorizzata di Rosinante, e lanciare una pietra, col chiaro intento di prendere Mingo alle spalle. Nel frattempo lo distrae con la storia della D.
Qui apro una breve ma importante parentesi.
Abbiamo un gruppo di persone, o meglio di predestinati, definita “famiglia della D.”, che un tempo abitava in un luogo lontano.
Noi sappiamo che la D. non ce l’hanno soltanto gli uomini, ma anche i giganti. Ricordate Sauro? Benissimo. Ora, nel ricordo di Law, Rosinante parla di un gruppo di persone che veniva chiamato “famiglia”. Non notate anche voi un parallelismo netto con la Famiglia Donquixote?
La nuova famiglia di Doflamingo è un manipolo di scalmanati raccattati in giro per il mondo. Non hanno legami di sangue, ma condividono stessi obiettivi o stessi interessi. Abbiamo in sostanza, oltre agli umani, una divinità (mingo), un uomo-pesce e mezzo (ora ci arriviamo!), e anche un pezzo di m… (trèbol), quindi è una famiglia multirazziale!
Non potrebbe essere che, 800 anni fa, un gruppo di persone, delle più disparate razze, forse sopravvissute ai 100 anni di vuoto, forse eredi della volontà di quel Grande Regno che non c’è più (in entrambi i casi sarebbero comunque predestinati), si sia unito soprannominandosi “famiglia dei D.” per portare avanti quella volontà e sopprimere “gli dei” ?
Questo concetto l’avevo già espresso nella Teoria della Genesi, e di volta in volta viene confermato. Non posso che esserne contento. Voi che ne pensate?
Doflamingo, quando sente di questa storia, comincia a parlare di destino (almeno se la traduzione è corretta) e che non c’entra nulla il significato della D. che vorrebbe Luffy e Law come suoi nemici naturali. Per lui sono tutte favole che si raccontano ai bambini per spaventarli (ricordate cosa diceva Rosinante?).
E dopo che Law manca di portare a segno un attacco partito decisamente in modo figo, si protegge con una botta di Busoshoku Haki sugli avambracci che gli salva la pelle da un fenicottero particolarmente adirato di aver scoperto che anche lui possiede la D. (se erano solo favole perchè prendersela tanto? LOL)
La narrazione a questo punto si interrompe e Oda ci fa vedere cosa stanno combinando gli altri.
Tutti bene o male sono rimasti esattamente come li avevamo lasciati. Stesse coppie, stessa condizione, a parte qualche ferita in più. Viola sostiene che i combattimenti stanno per volgere al termine, ma in realtà sono tutti sul punto di compere lo sprint finale che decreterà il vincitore dell’incontro.
Da tutto ciò non si evince nulla di particolare, a parte una splendida informazione su Dellinger (che manco a farlo apposta è anche il nome di una nota arma da fuoco)
Anche se era ovvio per molti, Dellinger è un (mezzo) uomo-pesce, modello pesce combattente!
Tempo fa, assieme a Marcof di D.Manga, scrissi un articolo su cosa poteva essere Dellinger. La questione era capire se fosse retaggio di uno Zoan acquatico o meno, e se si ispirasse realmente ad un pesce combattente o se fosse invece un’altra tipologia di essere (se ne sentivano di tutti i colori all’epoca). Confermata la tesi del Pesce Combattente, mi sarebbe piaciuta l’idea dello Smiles, ma questa ipotesi cadde già quando venne mostrato Delli neonato con le corna prominenti dal cappello. La fabbrica non esisteva ancora, dunque non poteva essere opera di un frutto. Veniamo adesso a scoprire che è un mezzo uomo-tritone. Per capire meglio, riprendiamo la spiegazione data da Pappagou ai tempi della saga degli uomini pesce:
Dice chiaramente che quando una sirena e un uomo pesce si uniscono, vengono fuori sirene e tritoni, ma anche uomini-pesce e donne-pesce, a seconda di quale sia il fattore dominante.
Ora, se una sirena si unisse ad un uomo normale, verrebbe fuori una mezza sirena o un mezzo tritone!!
Se invece un uomo-pesce si unisse a una donna, verrebbe fuori un mezzo uomo-pesce o una mezza donna-pesce (che schifo ho scritto?)
Dunque Delli è sicuramente figlio di una sirena. Porta per metà il sangue di un uomo pesce, il che lo rende un ibrido capace di mutare in una forma compresa fra quella umana e quella di un pesce combattente, con tutti i vantaggi che questo comporta. (se un uomo pesce ha 10 volte la forza di un uomo, un ibrido potrebbe avere la forza e la velocità di 5 uomini, e non dimentichiamo che potrebbe imparare o saper usare il karate degli uomini pesce!)
Ora l’unica donna matura della famiglia era Jola, come si vede in questa immagine:
potrebbe dunque essere lei la madre di Dellinger?
Per il resto, a parte un Cavendish particolarmente in vena di battute: “questi scontri mi fanno venire sonno!” (chissà che non vedremo Hakuba), e un Pink che lascia perdere il duello con Franky per salvare un micio indifeso, con tanto di commozione delle sue fan, non vedo nulla degno di nota. (forse Robin che sale al livello successivo).
Si torna a Mingo e Law, e viene ripreso il discorso sulla D. interrotto prima.
Finalmente vediamo consacrare l’inizio di questo benedetto contrattacco con un colpo ben assestato. Probabilmente Oda odia gli addominali di Doflamingo (prima li fa abbrustolire col Red Hawk, poi li fa trapassare con l’Injection Shot; chissà che alla fine non serva un piatto di budella fritte).
A parte questo, Law rincara la dose sostenendo a spada tratta che gli basta la potenza celata nel suo nome a permettergli di sconfiggerlo.
Probabilmente dice il vero, o forse si sta solo gasando per il colpo andato a segno. Io ho l’impressione che questo sia solo un modo di Oda per fare salire le aspettative di vedere mingo finalmente capitolare sotto i colpi di un Law rinvigorito dal ricordo di un amore perduto. Non dico che schiatterà, anche se ho questa strana sensazione, ma di sicuro non sarà lui a battere mingo, così come non lo è stato Kyros (anche se li per li sembrava aver messo a segno un colpo spettacolare e poteva avere tutte le ragioni di sto mondo per farlo).
Almeno io la vedo così.
Non ho altro da aggiungere. Spero di non avervi annoiati.
Commentate e fateci sapere la vostra!
Alla prossima con altri approfondimenti!
– X Ray –
Nessuna valutazione.

Dacci la tua valutazione!

Continue Reading

Teoria sul Tesoro Nazionale di Marijoa

Tesoro Nazionale di Marigeois

Tesoro Nazionale di Marigeois: teorizziamo un po’ insieme

Come per tutte le teorie viste fino ad ora, partiamo dagli indizi presenti nel manga: Doflamingo, dopo esser stato radiato da Marigeois per via del padre, vi ritorna con la sua testa, nella speranza di essere riaccolto. I Draghi Celesti tuttavia declinano in malo modo, in quanto lo considerano membro di una famiglia di traditori ed eretici. Quel giorno però, il piccolo Mingo scopre qualcosa di molto importante. Qualcosa che lui definisce: “l’importante tesoro nazionale” e “la peggiore carta del mazzo”.

Sempre nel flashback vediamo un manipolo di guardie che lo insegue nel tentativo di catturarlo ed ucciderlo. Il suo essersi salvato quel giorno ha rappresentato per il Governo un grosso problema, al punto che è stato costretto a collaborare col fenicottero, per paura che questi rivelasse al mondo il loro segreto. Un segreto così importante, afferma Doflamingo, che se reso di pubblico dominio rischierebbe di mandare il mondo nel caos. Tuttavia il Governo non poteva trattare con un pirata senza avere ripercussioni, così propose a Doflamingo di entrare nella Flotta dei Sette. Perchè penso che sia andata così, e che non sia stato Mingo ad auto-proporsi?

Proprio per via di questo dialogo: lui fa capire che quella carica non è poi così importante e che se il Governo non dovesse collaborare in modo fruttuoso, lascerebbe quel posto senza pensarci due volte. Questo significa implicitamente che l’importanza dell’informazione che possiede vale molto più del posto che occupa e dei benefici connessi ad esso. Abbiamo visto infatti cosa è successo quando ha finto di lasciare la flotta dei sette. In molti paesi s’è scatenato il panico. Ricordate Boa Hancock? L’ex principessa (la vecchiaccia) la sollecita spesso ad agire saggiamente per non perdere quel posto. Perderlo avrebbe significato infatti la fine di quel periodo di pace e serenità sull’isola delle Kuja.

Ma concentriamo adesso la nostra attenzione sulle attività di Doflamingo

  • traffico di armi;
  • produzione e commercio di SMILE;
  • contrabbando di frutti del Diavolo;
  • contrabbando di farmaci.

Vediamo una certa preponderanza di interessi che riguardano i frutti del diavolo. Inoltre sappiamo che lui è dell’idea che la storia la scrivano i vincitori, e per vincere non basta essere furbi, bisogna anche essere forti. Per essere forti bisogna avere il maggiore potenziale distruttivo, cioè i frutti del diavolo migliori, che è lo stesso principio che usano anche altri, come Kaido, Teach e perfino la Marina. Tutti sono interessati all’acquisizione di un potere tale da essere difficilmente contrastabile, per scopi diversi, ma che hanno in comune il riuscire a prevalere sugli altri.

L’intento di Mingo, come lui stesso dichiara, è quello di abbattere il Governo e distruggere il mondo che i Draghi Celesti hanno costruito, per pura vendetta… e se quel giorno avesse avuto dalla sua il potere dell’Ope Ope si sarebbe potuto impossessare di quel tesoro e realizzare il suo obiettivo.

Ha inoltre lasciato intendere che fra tutti, i poteri più interessanti e utili dell’Ope Ope sono il fatto di trapiantare la personalità delle persone e donare l’eterna giovinezza.

Perché mai sarebbe interessato proprio a questi poteri?

Io penso che lo Shambles gli possa servire per intrufolarsi a Marigeois e precisamente in quella “sala del Tesoro” protetta dalle guardie che si vedono nel flashback. Sempre con lo Shambles sarebbe in grado di “asportare” il tesoro e portarlo fuori da Marigeois. Quindi con la chirurgia dell’eterna giovinezza, smetterebbe di invecchiare, e potrebbe potenzialmente vivere e governare sul mondo in eterno.

A questo punto bisogna capire cosa possa essere questo tesoro nazionale.
Elenchiamo le sue caratteristiche:

  • è qualcosa che sconvolgerebbe il mondo;
  • è qualcosa che provocherebbe la caduta del Governo Mondiale;
  • è qualcosa che permetterebbe di dominare il mondo;
  • è qualcosa che viene custodito gelosamente a Marigeois;
  • è qualcosa che si può prendere solo con l’Ope Ope;
  • ha i connotati di un patrimonio per l’intera nazione;

Mi sento di escludere subito un’arma ancestrale. Può andare per le prime tre, ma il resto per me non calza.
Mi sento di escludere anche riferimenti materiali ai 100 anni di vuoto, tipo Poneglyph o manoscritti antichi, se non altro perchè non darebbero alcun potere sugli altri, e di sicuro non ci vorrebbe l’Ope Ope per prenderli. Inoltre non può essere considerato un patrimonio nazionale se il Governo stesso ne vieta la ricerca e lo studio.

Quindi? Beh, qui dico la mia. Liberi, come sempre, di concordare o meno. Per me il tesoro nazionale è Eve!

(Ansa: raffiche di terremoti in più parti del mondo; deviato l’asse terrestre.)

Prima che partano offese e maledizioni, vi spiego perchè:

  1. dalla teoria sui frutti abbiamo visto che potrebbe essere l’Albero dei Frutti del Diavolo; d’altronde Eve è un albero che porta la luce del sole sul fondo dell’oceano. In latino, portare la luce si dice Lucifer, e dato che gli alberi Eve e Adam fanno palese riferimento alla religione cristiana, Lucifero potrebbe essere inteso proprio come il Diavolo della cultura occidentale. Come tale, i frutti di quest’albero potrebbero a maggior ragione essere definiti Frutti del Diavolo.
    Eve inoltre ha le stesse caratteristiche della fabbrica di Smiles: assorbe un determinato nutrimento (SAD), è sotto la diretta influenza dell’acqua di mare (struttura di agalmatolite) e riceve la luce del sole (girasoli diffusori).
  2. sappiamo che Eve cresce all’interno della Red Line e con buona probabilità la sua chioma si trova proprio a Marigeois. Personalmente credo che la parte che emerge dalla Red Line si trovi dentro una struttura ben protetta e sorvegliata. Magari un luogo sacro.
  3. dalla teoria sui cinque astri di saggezza abbiamo visto che i GoRoSei molto probabilmente si ispirano ai cinque buddha della saggezza; ebbene il famoso Siddharta Gautama, il buddha per eccellenza, ebbe l’illuminazione sotto un albero, il cosiddetto albero della Bodhi, del quale l’unico discendente, lo Sri Maha Bodhi, si trova attualmente dentro il tempio di Mahabodhi nello Sri Lanka, ed è l’esemplare della famiglia delle angiosperme più antico esistente al mondo, essendo stato piantato nel 288 a.C.. Inoltre, una volta ricevuta l’illuminazione, Gautama ha dichiarato di aver aperto le porte che conducono al non-morire. Ho ragione di ipotizzare dunque che i cinque astri di saggezza abbiano ricevuto “l’illuminazione” proprio sotto la chioma di Eve in tempi remoti, e che sia proprio per qualche strano evento collegato a quest’albero che il loro invecchiamento s’è fermato. In seguito a ciò potrebbero aver eretto attorno all’albero un tempio (il luogo sacro del secondo punto), conferendo a quella terra la nomea di Terra Sacra di Marigeois.

Ora, vediamo se Eve rispetta le caratteristiche sopra elencate

  • se il mondo venisse a conoscenza di un albero sacro, capace di cose “straordinarie”, e soprattutto capace di generare frutti del diavolo (anche se è molto probabile che al momento non produca più nulla), per i motivi sopra citati riguardo all’importanza strategica di possedere i frutti più potenti, di sicuro Marigeois verrebbe presa d’assalto e assediata dai tizi più disparati in cerca di potere e ricchezza. Si scatenerebbe in altre parole un caos di portata planetaria, con l’occhio del ciclone piazzato proprio sopra Eve;
  • con lo Shambles si potrebbe tagliare l’albero senza ucciderlo!! In questo modo sarebbe possibile privare gli Astri di Saggezza della fonte del loro potere, e contemporaneamente acquisire una vera e propria fabbrica di frutti del diavolo, fiaccando brutalmente le fondamenta del GM; si priverebbe inoltre Marigeois del suo “elemento sacro”;
  • almeno sulla carta, un simile strumento potrebbe permettere di governare sul mondo intero, dato che esiste un precedente con l’attuale Governo Mondiale;
  • essendo un albero Sacro, può avere la valenza di un tesoro di portata nazionale, e come tale potrebbe essere custodito gelosamente entro una struttura adatta (forse un tempio), e protetto con delle guardie giorno e notte;
  • come già detto, non si può sradicare con metodi tradizionali senza danneggiarlo irrimediabilmente; l’unico strumento capace di sezionare un organismo senza alterare i suoi parametri vitali è proprio l’Ope Ope;

Concludo dicendo che Doflamingo ha sempre avuto un debole per i frutti del diavolo, e non è da escludere che l’idea di costruire una fabbrica di Smiles sia nata proprio per sopperire alla mancanza di Eve, e quindi ad un approvvigionamento di frutti naturali.
Nell’ultimo capitolo abbiamo visto inoltre come il valore dell’Ope Ope fosse stato stimato, o meglio, sottostimato, per 5.000.000.000 di berry… cinque miliardi di berry, esattamente la metà del prezzo che Doflamingo fece a Re Dildo per vendergli Dress Rosa. Ora se un frutto vale così tanto, è ragionevole supporre che un intero albero abbia la valenza di un tesoro nazionale!

Come al solito non pretendo di svelarvi verità assolute, ma spero di avervi incuriosito su questi argomenti.

Fatemi sapere cosa ne pensate! Se avete domande, più in basso ho scritto una piccola FAQ sulla base dei dubbi che più di frequente mi sono stati posti.

Ciauz!!

PS: ringrazio lo Hyena Team per le scan. So che esistono traduzioni un pò diverse in alcuni punti dei dialoghi presentati, ma proprio per questo ho puntato direttamente alle scan tradotte dalle raw giapponesi (come tutti dovreste fare). Venite a seguirci sulla nostra pagina feisbukki.

FAQ

  • Q: Ma quindi l’albero Lucifer e l’albero Eve sono la stessa cosa ?
    A: Si. Non fosse altro perché nel mito il serpente (Lucifero) si trova sullo stesso albero da cui Eva stacca il frutto. Come una sorta di demone dell’albero. Oda ha fuso (secondo me) questi due concetti, dando ad Eve la caratteristica di Lucifero, cioe di portare la luce, ma di dare al contempo attraverso i suoi frutti una maledizione all’umanità.
  • Q: Perchè alcuni fra i frutti più potenti sono caduti in mano ai pirati?
    A: L’albero Eve anticamente non si trovava dentro la RedLine. Nella Teoria sulla Redline abbiamo infatti visto come, prima del cataclisma che sconvolse il mondo, questo era un Pezzo Unico (OnePiece), costituito da un unico mare (AllBlue). Eve in questo ambiente produceva i suoi frutti, che una volta maturi cadevano direttamente in mare e venivano trasportati in ogni angolo del mondo dalle correnti. Successivamente alla formazione della RedLine venne sconvolto l’ambiente naturale intorno al quale cresceva Eve. Questo ha in qualche modo influito negativamente sulla sua capacità di produrre dei frutti. Quindi, anche se vive, non produce più nulla. La cosa non deve sorprendere, visto quanto sia delicato il processo di produzione degli Smiles: sebbene gli ingredienti ci siano tutti, e a curarli siano proprio le creature più competenti in fatto di botanica, basta un niente e i frutti non si creano, o rimangono in una forma ibrida (e comunque inutile).
  • Q: Se Eve non produce più frutti, che se ne fa Doflamingo?
    A: Ho ragione di credere che Doflamingo, essendo in affari con l’unico scienziato in grado di produrre frutti artificiali funzionanti (Caesar Clown), sappia o abbia intuito il modo di “riattivare” Eve. L’utilizzo dello Shambles dovrebbe proprio servire per asportare parte dell’albero e trapiantarlo in un luogo più “fertile”, una sorta di seconda fabbrica di frutti.
  • Q: Doflamingo potrebbe dominare a prescindere con ricatti e terrorismo?
    A: Se così fosse l’avrebbe già fatto. Non c’era motivo di perdere tempo ad entrare nelle grazie di un imperatore. Soprattutto non c’era motivo di affermare che attraverso il tesoro di Marigeois avrebbe potuto dominare il mondo.
  • Q: Come mai i Draghi Celesti non si sono mai interessati ai frutti dell’albero?
    A: Innanzitutto è molto probabile che l’albero non produca più frutti, ma questo non vuol dire che nel tempo non vi siano rimasti frutti appesi e mai caduti. Se vale l’ipotesi che quest’albero sia sacro, è ragionevole pensare che anche i suoi frutti lo siano. Un pò come nel mito di Adamo ed Eva i frutti dell’albero sacro non potevano essere ingeriti, pena un’eterna maledizione, così i frutti di Eve vengono considerati “demoniaci” e se mangiati conferiscono una “maledizione” eterna (cioè l’incapacità di nuotare). Probabilmente è anche per questo motivo che Doflamingo, unico Drago Celeste ad aver ingerito un frutto del diavolo, viene definito “Demone Celeste”. Non è da escludere che l’essere cazzoni, proprio degli abitanti di Marigeois (fatti salvi rarissimi elementi), li renda indisponenti anche nei confronti della Marina, per cui se ancora esistono frutti sull’albero, questo non va assolutamente toccato. A questo punto è ragionevole pensare che Doflamingo abbia mangiato l’Ito Ito proprio quel giorno, violando il perimetro di sicurezza e arrampicandosi sull’albero.. magari per nascondersi.

Ray

4/5 (1)

Dacci la tua valutazione!

Continue Reading