X-Ray Analysis 808 – Il Duca Inuarashi (il Re Sole)

Re Sole Inuarashi

Cari amici, ben ritrovati a questa X-Ray Analysis 808. Duca Inuarashi (il Re Sole)

Questa settimana pubblico la X-Ray con netto ritardo, e se non fosse che ho scoperto ulteriori cose interessanti, avrei lasciato la versione “mini” che avete sicuramente letto in pagina. Se non l’avete ancora fatto, non c’è problema, riporterò notizie che erano presenti anche lì. Re Sole.

Miniavventure.

Questa volta facciamo capolino in quel di Shirop, dove la ciurma del brodo vegetale ovviamente non può che piangere (avendo “er cipolla” con loro) dinanzi alla magnificenza che si irradia dalla taglia del mitico Capitano Usopp. Ottimi i disegni e la resa grafica della loro crescita.
Oda sta dunque procedendo seguendo l’ordine ufficiale di entrata in ciurma, quindi nel prossimo capitolo dovremmo vedere qualcosa del Baratie. Ammetto che son molto curioso di vedere che faccia faranno i colleghi di Sanji nel constatare che la marina lo vuole “solo vivo”. In particolare voglio assolutamente vedere la faccia di Zeff.

Jack “la siccità”, i Tre Moschettieri e il Re Sole.

Di Jack abbiamo detto tantissimo nelle scorse puntate. Credo che sia uno dei personaggi con più riferimenti intrinseci in assoluto. Vi ricordate le passate X-Ray? Dicevamo:

  1. la scelta del Mammuth potrebbe essere un richiamo al film di animazione “l’era glaciale”, così come potrebbe essere un richiamo a creature ormai estinte (di cui X-Drake sembra essere un’ulteriore conferma);
  2. la scelta della crocifissione come metodo di tortura sembra essere un richiamo all’impero romano, che come sapete vide in Annibale Barca (famoso per i suoi elefanti da guerra) e Attila, due fra i suoi peggior nemici;
  3. la scelta di chiamarlo “la siccità”, intendendo con ciò il fatto che ovunque passi tutto cade in rovina, è senz’altro un richiamo ad Attila, per il quale valeva il motto: “dove egli passa non cresce più l’erba”;
  4. la scelta stessa di chiamarlo Jack e farlo Capitano di una nave pirata, è senz’altro un richiamo ai grandi Jack della pirateria storica e cinematografica, i cui modi brutali potrebbero anche ricordare il famoso “jack lo squartatore”, anche se il profilo psicologico è nettamente diverso.
  5. la scelta di dotarlo di una mandibola di ferro, che sembra quasi una maschera, lo fa assomigliare ad Hannibal Lecter per la crudeltà, ma potrebbe richiamare anche alla maschera delle armature samurai, così come al film “la maschera di ferro”.

Dopo l’ultimo capitolo, infatti, sembra esserci in Zo un lampante richiamo alla Francia, con l’introduzione di un corpo di guardia reso famigerato dalla penna di Alexandre Dumas, ossia “i tre Moschettieri”. Su questo corpo di guardia, ed in particolare sulla figura di d’Artagnan e sulle sue imprese, son state intessute le più celebri lodi. Fra libri e riproposizioni sul grande schermo è veramente impossibile non sapere di chi stiamo parlando. Uno dei film che vide protagonisti questi talentuosi spadaccini, è proprio “la maschera di ferro”. In questo film, Athos, Porthos e Aramis, si sono ormai congedati, mentre d’Artagnan è rimasto a capo della guardia del Re Luigi XIV di Francia. Il Re ha un fratello gemello, Filippo, che tiene prigioniero da diversi anni costringendolo a indossare una maschera di ferro per non essere riconosciuto. Nel frattempo ha amministrato il paese con brutalità e intolleranza. La missione dei moschettieri, una volta riuniti, è quella di spodestare Luigi, liberare Filippo e renderlo il nuovo Re di Francia, tanto essendone il gemello, nessuno avrebbe notato la differenza, a parte il fatto che Filippo era molto più buono e senz’altro più adatto al ruolo di sovrano.

Come potete capire, la trama al momento non c’azzecca nulla con la storia che ci propone Oda, a parte alcuni interessanti elementi:

  1. abbiamo un Duca, Inuarashi, che è il “Sovrano del Giorno” del ducato di Mokomo, il quale richiama la figura storica di Luigi XIV, non a caso detto anche “il Re Sole“;
  2. abbiamo un corpo di guardia reale, chiamato “i tre moschettieri“, che richiama l’omonimo gruppo dei moschettieri francesi, divenuti col tempo la guardia personale del Re Sole;
  3. abbiamo un personaggio che indossa una maschera di ferro e sembra richiamare il titolo di un film dove i protagonisti son proprio: i Moschettieri e il Re Sole.

Anche il collocamento temporale probabilmente non è casuale. Il Re Sole regnò per tutta la metà del 1600 e nei primi del 1700, anni durante i quali, non solo – come dice Voltaire nel libro “Il secolo di Luigi XIV”-  si visse una delle quattro età felici dello spirito umano, dopo la Grecia di Pericle ed Alessandro, la Roma di Cesare e di Augusto e la Firenze dei Medici, ma venne inventata e perfezionata la prima macchina elettrostatica, che probabilmente viene tributata da Oda con l’ “electro” dei Mink, sul quale al momento la teoria più accreditata è che sia generato proprio dall’elettricità statica del loro pelo. Re Sole

Forse è un caso, ma in Oriente, ed in particolare in Giappone, negli stessi anni, cominciava il Periodo Edo, quello al quale Oda sembra essersi ispirato per ricreare Wano. Ma di questo vi parlerò meglio nella Maxi Wano Theory.

Il governo di Luigi XIV fece poi da anticamera al movimento dell’Illuminismo, che rivoluzionò praticamente tutta l’Europa, specialmente dal punto di vista scientifico, con la nascita, successiva alle prime tecnologie al vapore, del genere Steampunk. In questo potremmo leggere un eventuale preludio all’ingresso in scena del mitico Vegapunk, che potrebbe avere come ambientazione di fondo proprio la Londra Vittoriana dell’800.

PS: stando a quanto detto, sarebbe molto interessante se il Duca Inuarashi e il Duca Nekomamushi fossero fratelli, come Luigi e Filippo, uno acclamato “re sole”, l’altro tenuto nell’oscurità della cella. Re Sole

PPS: oppure, dato che a portare la maschera di ferro è Jack, si potrebbe ipotizzare che sia lui ad avere un legame con i Mink… magari proprio con Zunisha. Il chè spiegherebbe come ha fatto a raggiungere Zou. Ma queste sono solo illazioni vedremo Oda cosa ci racconterà

Le tre “calamità” di Kaido.

In molti avete pensato ai cavalieri dell’apocalisse, e potrebbero anche starci. Ricordiamo infatti che essi sono: Morte, Carestia, Guerra e Pestilenza. Se associamo Morte a Kaido, essendo immortale, e Carestia a Jack, rimangono Guerra e Pestilenza.

Questa categorizzazione viene ripresa anche nel Buddhismo: abbiamo infatti proprio “tre calamità“: Guerra, Epidemia e Carestia, che secondo il credo son sempre seguite dai “sette disastri“: pestilenze, invasione straniera, lotte intestine, cambiamenti straordinari nei cieli, eclissi lunari e solari, tempeste fuori stagione e siccità fuori stagione.

Tuttavia ci potrebbe essere anche un modo diverso di intendere il tutto.

Posto che l’outfit di Kaido ricorda molto quello di Attila, potrebbe darsi che le “calamità” di Kaido, siano proprio le “tre calamità” di Attila, ossia: carestie, epidemie e guerre, e quindi tutto il trio non sarebbe altro che l’incarnazione degli effetti a posteriori del passaggio di Attila.

Pleasures e Gifters.

Nelle Raw (vi ricordo di leggere le traduzione Jap/Ita del capitolo) questi termini sono stati scritti in Katakana, quindi restano tali. Nelle scan cinesi invece sono stati usati i Kanji, ovviamente, per i quali le traduzioni possono essere svariate. Rivediamoli con un po’ più di attenzione:
作 (scrivere / comporre / lavorare / fare)
樂 (musica / felice / ridere)
者 (qualcuno che / persona coinvolta in)

Questi sono i Kanji cinesi di “pleasures” , che possono essere tradotti sia come: “persone che fanno ridere”, sia come “persone che compongono musica”. Questi Pleasures li vediamo in effetti sempre sorridenti e ghignanti, ma che c’entrano coi musicisti? Non mi voglio dilungare oltre perchè ve ne parlerò abbondantemente nella MaxiWanoTheory.

Per quanto riguarda i Gifter invece, abbiamo:
給 (dare / fornire / tenere / impugnare)
賦 (saggio poetico / conferire / dotare )
者 (qualcuno che / persona coinvolta in)

Che possiamo tradurre, non senza qualche adattamento, come: “persone che tengono una dote”, ed il riferimento al fatto che posseggano poteri derivanti dagli Smiles mi sembra abbastanza evidente.

Qualcuno potrebbe obiettare, giustamente: “ma a noi che ce frega di cosa dicono le scan cinesi?”
Pur non avendo tutti i torti, mi preme fare presente un precedente importante, che riguarda proprio il capitolo 805. Ricordate cosa vi dissi sul titolo? No? E allora ve lo riporto:

Traducendo 毛皮 dal cinese, il vocabolario mi restituisce lo stesso significato del giapponese, ossia: “fur /pelt” (lett. pelliccia / pelle animale). Sulle prime si potrebbe pensare che sia un modo per dire “visoni”, o come direbbero gli studiosi della nostra lingua, una sineddoche, e tutto tornerebbe, ma in realtà non è così, perchè in cinese il Visone si dice in questo altro modo: “水貂”, e questi kanji sono gli stessi che ha usato Law nello scorso capitolo (in cinese) per dire “ecco la tribù dei Visoni” (come abbiamo avuto conferma dalle Raw questo lunedì).
Tuttavia, nelle Raw di oggi c’è scritto proprio ミンク 族, “Minku Zoku”, cioè tribù dei Visoni. Allora il discorso comincia a complicarsi, perchè sebbene la traduzione più giusta sia quella letterale, e se c’è scritto Mink in katakana vuol dire che è proprio Visone, questo stona di brutto con quello che vediamo, cioè uomini-bestia, non uomini-visone! E allora forse i cinesi, che di solito stanno sempre attenti ai kanji da usare, hanno interpretato la cosa nel modo corretto, riadattando il “visone” in “pelliccia”, per semplici e banali motivi di coerenza!

Nell’806 poi abbiamo scoperto che i cinesi avevano ragione, e che Mink è stato usato da Oda per indicare proprio la pelliccia. Se esiste un precedente (e non so quante altre volte sia successo) è lecito pensare che anche questa volta dietro ai kanji ci sia un fondo di verità. Ma ve ne parlerò un altro giorno.

Naturalmente questa non è l’unica interpretazione. I motivi che spingono Oda a fare qualcosa sono sempre molteplici, e non è da escludere, unitamente al subliminale riferimento a Wano e ai Samurai di cui vi parlerò nella teoria, anche una componente comica, nel senso più pirandelliano del termine. Ci troviamo infatti di fronte ad un gruppo di feroci pirati, pronti a sterminare un intero popolo, che vanno sotto il nome di “piaceri”, e un altro gruppo, ancora più feroce, che va sotto il nome di “superdotati” XD Re Sole

Che fine ha fatto Raizo?

I dialoghi del capitolo ci suggeriscono che nessuno ha mai visto RaiZo a Zou, quindi si rafforza l’ipotesi che egli non sia mai arrivato a Zo da quando tutto il gruppo dei Samurai di Wano ha fatto naufragio. Allo stesso modo è possibile che tutti siano convinti di trovare RaiZo a Zo perchè la meta ultima dei samurai era quella, ma se RaiZo non c’ha mai messo piede, che gli sarà successo? Avrà smarrito la via come Kinemon e gli altri approdando su qualche altra isola?

Certo, c’è ancora aperta la possibilità che in realtà il Ninja si sia soltanto nascosto, e che dunque sia ancora a Zou. Ma in questo caso le domande a cui rispondere sarebbero così tante che forse non vale neanche la pena farle.

Il vero contributo dei Mugiwara

La frase di Lucio Dalla (alias Inuarashi) circa il fatto che tutta la ciurma ha contribuito alla salvezza del suo popolo, è sicuramente da intendere proprio nel modo che ipotizzavo insieme a voi in passato, e cioè che da un lato, grazie alle cure mediche di Chopper e al coraggio di Nami e Sanji, i Mink si sono liberati degli scagnozzi di Jack e hanno salvato la pelliccia, ma dall’altro, è stata la sconfitta di Doflamingo da parte di Luffy che ha permesso a Jack di lasciare l’isola prima del tempo, per andarlo a liberare (informazione che Lucio apprende dal giornale che tiene fra le gambe) permettendo così al resto della ciurma di fare il proprio dovere. Re Sole

Ecco quindi che l’estenuante lunghezza di Dress Rosa trova giustizia se si considera che quegli accadimenti hanno giocato un ruolo determinante anche nella saga successiva, che è praticamente già finita. Tutto quello che vedremo, secondo me, sarà soltanto un lungo flashback di ricostruzione, qualche attimo di tensione e poi via diretti a Wano contro Kaido. Re Sole

Chissà che, come gli Ent di Tolkien, alla fine dopo tanti anni di neutralità, anche i Mink non decidano di scendere in guerra al fianco di Mugi, visto lo sfregio subito. Ve lo immaginate Zunisha in stile Olifante? XDD che spettacolo che sarebbe!

Bene, io ho concluso! Vi ringrazio per l’attenzione e ringrazio anche il caro Danny che si spende sempre per farmi le fighissime cover dell’articolo.

Fatemi sapere la vostra !

Alla prossima!

Ray

4.67/5 (15)

Dacci la tua valutazione!

Continue Reading

X-Ray Analysis – Capitolo 793

capitolo 793

Innanzi tutto, ben ritrovati a questa X-Ray Analysis sul Capitolo 793

Ormai di rado scrivo sul blog, ma questa volta c’è così tanto da dire che è praticamente necessario farlo.

Come molti di voi sapranno (dato che lo scrivo spesso in pagina) al momento mi trovo sotto esami d’un certo tipo quindi ahimè vado a intermittenza e spesso quando intervenite mi ritrovo a rispondere dopo giorni o peggio, a non rispondere proprio (ne approfitto per ringraziare il mio collega Brunets che si sta facendo in quattro anche per questo).

Ma veniamo a noi.
Partiamo dalla cover, che sembra una cosetta tanto per, buttata li quasi per scherzo, e invece tradisce una parziale conferma a quelli che sono i riferimenti (folkloristici, fiabeschi, mitologici etc) da cui Oda ha preso spunto per delineare i tratti essenziali del personaggio di Usopp.
Per molti di voi non starò dicendo nulla di nuovo, ma per tutti gli altri due paroline in croce le vorrei scrivere. Le figure che si vedono in compagnia di Usopp sono il celeberrimo Pinocchio di Carlo Lorenzini e una delle tante raffigurazioni del Tengu, ossia una creatura appartenente all’iconografia giapponese che in alcune sue versioni “umane” ha come tratto caratteristico proprio un naso molto pronunciato (per la gioia di Sugar). Fra le tante cose che si potrebbero dire dei Tengu (ma non diciamo sennò ci esce l’Odissea) particolare interesse riveste la loro capacità strategica e le loro abilità come armaioli, due doti che in trasparenza possiamo ritrovare anche in Usopp.
Se poi c’aggiungiamo la figura di Pinocchio e quindi la sua proverbiale indole a dire bugie, ecco fatto il mix delle caratteristiche essenziali di Usopp: bugiardo, col naso lungo e con blande capacità di “stratega” (o meglio di ingannatore) e di armaiolo (tant’è che prima che arrivasse Franky a rispolverare l’artiglieria pesante era lui che costruiva rudimentali strumenti di difesa o di attacco, vedi la sua Kabuto o il bastone Clima Tact di Nami).
Poi ovviamente Usopp ha sviluppato un proprio “io”, per cui si distingue nettamente da queste due figure, ma di fondo le fonti di ispirazione più importanti di Oda son state proprio queste due.

Ma vorrei chiedervi… avete notato altro? Magari qualche riferimento al Giappone? No perchè, a parte il Tengu che è proprio caratteristico della cultura giapponese, anche la fauna che viene disegnata sullo sfondo assomiglia molto allo stile Bonsai tanto caro agli orientali. Tenete a mente questo dettaglio perchè ricomparirà più avanti e darà dei sostanziosi spunti di riflessione.

Quindi, si apre il capitolo.
Fujitora. Alza la testa, non alza la testa. Scuse…
No va beh, sta pubblicità ha rotto il ca**o, lasciamo perdere.

Una cosa però bisogna dirla: ciò che sostiene Fujitora è coerente con ciò che lui ha fatto fino ad ora, e sebbene ciò che ha fatto fino ad ora può essere oggetto di critica, non può esserlo lui in quanto tale, perchè è un personaggio che “funziona”. Mi spiego meglio.
Fujitora una volta arrivato sull’isola si rende conto della situazione drammatica in cui versa la nazione di Dress Rosa. Tutto questo a causa del suo re, un tiranno come tanti, se non fosse che quel tiranno è riuscito a ottenere quel posto grazie ai vantaggi osceni offerti dalla carica di Flottaro concessagli dal Governo. Quindi in sostanza, dietro quel dramma c’è il Governo, di cui la Marina fa parte in quanto ente governativo.
Ora, un marine normale, con il suo senso di giustizia, avrebbe sicuramente agito attivamente, magari con furbizia, per crearsi il pretesto ideale per attaccare Doflamingo (anche se non è che ne servissero poi chissà quanti di pretesti viste le sue malefatte). Ma Fujitora, oltre ad avere uno spiccato senso della giustizia è anche un giocatore d’azzardo, e difatti lui giustifica il suo operato (va beh, potete ridere) dicendo: “potevo fare qualcosa… e ho fatto una scommessa” (potete ridere anche qua).
Sostanzialmente lui ha preso, diciamo, troppo sul serio questa faccenda dell’intoccabilità dei Flottari (anche se sappiamo che è tutta una necessità di trama, ed è per questo che traspare qualche piccola forzatura) sperando che il tutto si risolvesse nel modo più naturale possibile, ossia che tutto quel macello muovesse gli animi di qualche nobile pirata (che già di per se è una rarità) che con le giuste credenziali (anche trovare qualcuno che fosse più forte di Mingo era parecchio difficile) e un pizzico di fortuna avrebbe potuto sconfiggere il tiranno e come tale far decadere il suo status di “protetto” (per la gioia dei fans che finalmente avrebbero goduto di potenziamenti e botte da orbi). Ma alla fine nulla di nuovo.

Vi ricordate Crocodile?

Come mai questo personaggio, che tra l’altro viene anche nominato nel capitolo e conferma il parallelismo Arabasta/Dress Rosa, è uscito dalla flotta dei sette? Perchè è stato sconfitto da un altro pirata.

La Flotta è un’organizzazione governativa che riunisce sette fra i più forti pirati al mondo e li vede al servizio del “bene” (almeno sulla carta, poi ognuno sfrutta i privilegi e le indennità per fare e sfare quello che vuole). Nel momento in cui uno di questi venisse sconfitto equivarrebbe a dire che esiste qualcuno più forte di lui, quindi via dalle palle.

Fujitora ha scommesso su questo, così poi avrebbe dovuto soltanto arrestare Mingo per le sue malefatte, e a rimorchio anche gli altri pirati, perchè, ricordatelo, lui a causa del suo senso di giustizia così forte tende a fare di tutta l’erba un fascio. Non credo che arriverebbe a privilegiare mai un pirata, per quanto utile possa essere il suo contributo (altrimenti non sarebbe più coerente, mi pare ovvio). Difatti questo è il motivo per cui Riku, vecchio Dildo, suggerisce a Tank di portare tutti a palazzo.

Ma allora perchè Fujitora ha scommesso proprio su Luffy?
Beh qui l’ovvia necessità di trama viene in qualche modo giustificata da un intervento ante facta di Smoker, il quale gli dice: “guarda, Arabasta stava per diventare una nazione governata da pirati, proprio come lo è ora Dress Rosa, e se non fosse stato per Cappello di Paglia e i suoi, noi della Marina non avremmo potuto fare nulla”.
Forte di questo precedente, quando Fujitora mette a fuoco la situazione (insomma, si sprecano battute) decide di scommettere su un bis di Cappello di Paglia. Il resto lo sappiamo.

Tutto questo in sostanza ha senso.
La vicenda è costruita ad hoc per funzionare, non c’è dubbio, e ancora una volta il Maestro se ne esce a testa alta, perchè se prima si poteva stare li tranquillamente a dire “ma che ca**o di Marine è Fujitora?” , ora diventa decisamente più complicato trovare contraddizioni nella sua costruzione. Rimane comunque legittimo non farselo piacere… si tratta di scelte dell’autore (magari pilotate a volte dai suoi editor) che come molte altre possono piacere o meno, ma non si dica che Oda mette dentro personaggi senza senso.

A me è piaciuto? Devo dire di si… non mi fa impazzire, ma è un personaggio che nella sua apparente stranezza nasconde originalità e spessore. Poi dopo aver abbaiato contro il Cane a maggior ragione.

Il capitolo si intitola difatti “La Tigre e il Cane“, facendo riferimento agli animali che identificano i due personaggi, e difatti, sebbene ne succedano di cotte e di crude, una cosa che colpisce è proprio l’audacia di Fujitora nel far valere le sue ragioni.
Volendo riesumare una interpretazione che mi piace molto del mio amico Frank del B&R, Oda potrebbe essere Fujitora e Akainu i suoi editor. Come sappiamo molte scelte non sono dettate dal libero arbitrio dell’autore, ma sono influenzate, talvolta pesantemente, dalla volontà degli editors, il cui unico scopo è quello di massimizzare il profitto dell’opera. Allora potremmo vedere da un lato un personaggio/autore che si scusa con il resto del mondo/lettori circa determinate scelte di cui non è il diretto responsabile, dall’altro un capo/editor che rimprovera il personaggio/autore per averlo messo in cattiva luce dinanzi al mondo intero.

Ma ritorniamo da quest’altro lato della quarta parete.

Akainu non fa la voce grossa solo con Fujitora, ma anche coi Cinque Astri. Tutto comincia dall’annuncio delle false dimissioni di Doflamingo. Come ricorderete la notizia comparì sui giornali di tutto il mondo, ma tramite la CP0 si venne a sapere che in realtà la notizia era falsa. Allora Akainu giustamente si chiede: “perchè mai siete stati al gioco di un Drago Celeste prendendo per il culo il mondo intero?” …è chiaro che lui ignora le debolezze del Governo nei confronti di Doflamingo. deve costare un occhio della testa ai Cinque Astri ammettere, anche silenziosamente, che Mingo conosce dei segreti che nessuno, nemmeno il Grad’Ammiraglio,  dovrebbe sapere e che è per questo che fino a quel momento gli hanno permesso di fare tutto ciò che voleva.

Ritengo che un caso isolato come Doflamingo non rende di fatto i Cinque Astri delle marionette nelle mani dei Draghi Celesti. Abbiamo visto più volte che l’operato e le decisioni dei Cinque Astri sono avvenute in completa autonomia. Per gli accadimenti di Ohara non si vide un solo drago celeste, nè si vide quando si doveva cercare un nuovo flottaro che rimpiazzasse Crocodile. L’unico momento della storia in cui un Drago Celeste ha avuto peso politico è stato per l’approvazione della proposta di Otohime, ed è coerente con l’impostazione ipotetica di Draghi Celesti come ministri, e Cinque Astri come capi del governo.

Ma il discorso non è finito. Akainu continua, sostenendo che a causa delle loro azioni la Marina avrebbe potuto rimetterci la faccia, perchè spetta a loro occuparsi in prima linea dei pirati. Chiaramente organizzare delle azioni o delle spedizioni sulla base di false notizie li coprirebbe di ridicolo. Ma agli Astri non frega una mazza della credibilità della Marina. Loro rimangono un’ente di facciata, che in pratica deve occuparsi delle faccende grossolane. Quando il gioco comincia a farsi complesso non è più la Marina che deve intervenire, ma il Cipher Pol. In questo caso il CP0.

Questo corpo militare segreto è la mano armata del governo che sostanzialmente agisce per fare scattare i meccanismi più complessi della società e in qualche modo decidere le sorti di una o più nazioni. Il corrispettivo reale può essere tranquillamente la CIA. Ormai non è un segreto che il governo degli Stati Uniti, in anni passati, abbia incaricato la CIA di occuparsi del cosiddetto “lavoro sporco”, quindi imbastire falsi teatrini, creare falsi pretesti, far infiltrare questo o quello per generare ad hoc conflitti e disequilibri che avrebbero innescato la macchina bellica americana e tutta una serie di meccanismi congiunturali atti a fare ripartire l’economia statunitense, da sempre energivora in termini di risorse. Tutto il Cipher Pol è pensato per agire in questo modo. Il CP0 in particolare dovrebbe avere scopo “difensivo”, quasi come un ultimo bastimento a tutela del Governo, da cui anche il termine Aigis che richiama il famoso scudo di Atena. Il CP0, in altre parole, è quel ramo che viene messo in campo quando le viscere più intime del Governo rischiano di essere fatte a pezzi. Credo che il CP0 si sia trovato a Dress Rosa per assicurarsi che Doflamingo non pisciasse fuori dal vaso. Tutto il resto non era di loro competenza, anzi, forse saranno anche stati intimamente grati a Luffy per averlo messo fuori combattimento. Per il Governo Doflamingo era una vera e propria mina vangante.

Poi beh, sappiamo che alla notizia della sconfitta di Mingo e del gesto di Fujitora, Akainu, che si preoccupava delle sorti della dignità della Marina in seguito a sconsiderate azioni da parte dei Cinque astri, ora deve fare i conti con la sconsideratezza di uno dei suoi, che alla credibilità della marina ha assestato un bel colpo (alla faccia sua).

Detto questo, passiamo alle altre chicche-bomba

1) Kuzan si allea con Barbanera. Cosa avrà in mente il nostro caro ex-ammiraglio? Non sembra esser mai stato di indole malvagia… assieme alla Marina ha forse abbandonato anche le sue ideologie? oppure sta solo cercando di strumentalizzare Barbanera per i suoi scopi?
Pensavo che potrebbe essersi schierato con i Rivoluzionari e far la parte dell’infiltrato, magari per recuperare informazioni direttamente dall’interno della ciurma, per monitorarne i movimenti o le decisioni, ma potrei anche sbagliarmi…

2) Kid – Hawkins – Apoo mirano alla testa di Shanks. Devo dire che una notizia del genere fa il suo effetto, perchè considerando che Shanks e compagni sono dei mostri nell’utilizzo dell’haki, se ne deduce che o questi tre possiedono le caratteristiche per poter infastidire Shanks, oppure sono solo un trio di coglionazzi che spara a ruota libera, considerando che poco prima ce l’avevano con Big Mom.

3) Capone si è alleato con Big Mom. Da cosa si capisce? Beh dalla vignetta in basso a destra della scan, dove viene ritratta chiaramente una parte della nave di Big Mom, e dal corrimano con il motivo a spirale bicolore tipico delle leccornie presenti sulla nave dell’imperatrice. Lui sostiene che i suoi “nakama” (cioè gli scagnozzi di Big Mom, e non Luffy e Law) stanno lavorando davvero bene e che è il momento di recuperare Caesar.

Conclusione: Sanji, Nami, Chopper e gli altri le stanno prendendo di santa ragione e potrebbero essere presi prigionieri a breve. Chissà se un Momonosuke incazzato può riuscire a ribaltare le sorti del duello.

4) Tsuru.
Per potervi raccontare quel che penso al riguardo devo necessariamente riportarvi il dialogo corretto:

Sengoku: Cosa c’è, Tsuru-Chan? Non era necessario che venissi fin qui.
Tsuru: non spetta a te dirlo, ispettore.
Sengoku: Beh, in fondo hai ragione… hai dato la caccia a questi pirati per parecchio tempo.
Tsuru: Si, come mi avevi ordinato di fare.

Innazitutto, perchè Sengoku?

Se ricordate, quando Law era ancora un bambino, la catena di comando circa lo spionaggio di Doflamingo era: Rosinante – Tsuru – Sengoku. Quando Rosinante è morto, Tsuru era a un tiro di schioppo da Doflamingo, ma non è riuscita a catturarlo, e credo che la morte di un suo sottoposto le sia rimasta sulla coscienza per tutto questo tempo.

Allora penso che quando Sengoku dice a Tsuru: “hai dato la caccia a questi pirati per parecchio tempo” è come se la stesse congedando, come se le stesse dicendo: “ora che quei maledetti pirati sono stati catturati, puoi metterti l’anima in pace.. non è più necessario che continui a prestare servizio”, perchè a ben pensare, Rosinante glielo hanno ammazzato praticamente sotto il naso… dunque non sarebbe così insensato un rimorso di coscienza tale da spingerli a compiere quell’ultima missione per il loro uomo.

5) Riappare Bonney.
Ancora una volta incappucciata, ancora una volta con della pizza in mano. Non si riesce ad evincere nulla, se non che è ancora a piede libero e apparentemente slegata da organizzazioni come i Rivoluzionari.

6) Riappare Urouge.
Il sacerdote viene avvisato dai suoi che la solitaria nuvola isolana che avevano scelto per curare le sue ferite, in realtà così solitaria proprio non è. C’è qualcuno… e chi sarà mai? A molti viene in mente Enel, e c’avete ragione… ma potrebbe essere anche qualcun altro. Ricordo infatti che Enel si trovava al comando di un intero esercito di robottini… non passerebbero inosservati. senza considerare l’Arca Maxim, che da sola è come un faro nella notte.

Quindi chi altri potrebbe soffermarsi su un’isola nel cielo? Mi vengono in mente solo personaggi in grado di volare, come Marco o Laffitte… ma chissà. Vedremo.

7) Appare Kaido (???).
Una delle notizie più clamorose che ho sentito riguardo al capitolo è stata proprio questa. Finalmente vediamo Kaido nella sua forma animalesca!
A mio parere quello che si vede però non è Kaido. Ricordate cosa dicevo all’inizio circa il Giappone?
Ebbene nell’isola di Drake si vede la stessa vegetazione che abbiamo visto nella cover, e che abbiamo detto essere tipica del Giappone. E allora non potrebbe essere che anche quell’ombra sia qualcosa di tipico giapponese?

Forse si, osservate.

Quello a destra è un tipico castello dell’era Edo, dimora dello Shogun giapponese. Quelle che sembrano corna, in realtà potrebbero essere l’enfatizzazione di due particolari architettonici che si intravedono appena, e che di seguito provo a mostrarvi meglio:

quello sulla destra è il cosiddetto Kinshachi o Golden Tiger Headed-Dolphin, un particolare tipico del Castello Nagoya. Queste “protuberanze” si credeva fossero talismani contro gli incendi (un male parecchio pericoloso considerando che questi castelli erano in buona parte costruiti con il legno).

Ma voi direte: “ok, tutto bello e figo, ma non potrebbe essere semplicemente Kaido?”
Certo, ma che senso avrebbe urlare “Kaido-sama! Dove siete?!” …dinanzi ad una imponente e maestosa ombra cornuta? XD

Più semplicemente quella che si vede sarà la sua dimora. Ordunque dove ci troviamo? Ci sarete già arrivati. Nel Paese di Wano! La patria dei samurai, nonchè terra natìa di Kinemon e Momonosuke.

In proposito ci sarebbe molto da dire, ma ho già scritto un papello infinito, magari mi riservo un approfondimento al riguardo per un’altra volta.

8) Per finire, riappare Vegapunk! O meglio, viene nuovamente nominato e a quanto pare in concomitanza al Tea Party potremmo avere il piacere di conoscere finalmente lo scienziato più brillante e famoso del mondo. Chissà quante sorprese ci riserverà quell’incontro. Secondo voi perchè Tashigi e Smoker stann portando i bambini da Vegapunk? Forse sperano in una cura?

Bene, credo di aver spuntato tutta la scaletta… se ho dimenticato qualcosa fatemelo sapere nei commenti. In ogni caso, fatemi sapere la vostra.

In conclusione, già nella passata X-Ray mi aspettavo un capitolo bomba prima del cap. 800, e comunque prima di Settembre. Devo dire che Oda ha bruciato le tappe e ci ha servito un’atomica di tutto rispetto, che finalmente comincia a fare chiarezza su alcune cose, ma ahimè, getta ancora molte ombre su molte altre questioni.

Voto 9/10.

Buon fine settimana tutti.

Ray

Nessuna valutazione.

Dacci la tua valutazione!

Continue Reading