L’occhio di Zoro [Teoria]

occhio di zoro

Di questi tempi non si fa altro che chiacchierare di Sanji e dei misteri che potrebbe celare. Ma è forse l’unico personaggio della ciurma del quale si sa ancora poco? occhio di Zoro.

Oggi parliamo un po’ di Zoro, per par condicio, ed in particolare di cosa potrebbe celarsi dietro la scelta di Oda di renderlo graficamente in questo modo. Molte sono le teorie in circolazione al riguardo. Questa non farà altro che aggiungersi alle altre.

NB: Raccomando ai lettori di tenere a mente la definizione di “teoria” e di prendere tutto quello che vi dirò con molta cautela.

Cominciamo.

Subito dopo il timeskip, Oda ci ha presentato Zoro con un nuovo outfit e una particolarità non da poco: un netta e figa cicatrice sull’occhio sinistro che sembra suggerire una sua possibile cecità, dovuta magari a qualche scontro particolarmente cruento con gli umandrilli o con Mihawk, sull’isola di Kuraigana. In realtà la certezza che Zoro abbia perso la vista da quel lato Oda non ce l’ha mai data, anche perchè lui non è di certo il primo con un taglio sull’occhio. Ricordiamo Shanks, Rayleigh e Fujitora, ad esempio. occhio di Zoro

fuji toraNel caso dell’ammiraglio, in particolare, abbiamo avuto contezza della sua condizione proprio grazie al fatto che di tanto in tanto Oda ce l’ha mostrato con le palpebre semi aperte, e attraverso queste è stato possibile notare la completa assenza della pupilla e dell’iride (tipica licenza fumettistica per indicare proprio uno stato di cecità). occhio di Zoro

Allora perchè Zoro continua a tenere saldamente chiuso il proprio occhio?
Solo perchè fa più figo?

Proviamo a contemplare un’altra ipotesi. occhio di Zoro

Partiamo dal luogo in cui Zoro in questi due anni si è allenato, ossia l’isola di Kuraigana. Questo termine significa letteralmente “davvero buio”, e si ispira fra le altre cose all’ambientazione del film di animazione: Nightmare before Christmas. In buona sostanza, Zoro per due anni si è allenato in un luogo privo di luce, dunque nulla di strano se i suoi occhi si siano abituati di conseguenza.
Allora è possibile che Zoro tenga la palpebra costantemente chiusa per evitare che il suo occhio sinistro si riabitui alla luce?

Di certo non sarebbe da scartare, specialmente se consideriamo che esistono molti luoghi del nuovo mondo dove potrebbe capitare di dover combattere nel cuore della notte o in condizioni di oscurità quasi completa, come l’isola di Kuraigana. Tra l’altro, l’espediente di chiudere un occhio per migliorare la visione notturna è una pratica frequente in campo militare, e in particolar modo fra i cecchini. Mi sono ricordato di questa scena, tratta dal film “Jack Reacher”, interpretato da Tom Cruise, nel quale si assiste proprio ad una cosa simile. Vi invito a visionarlo, parte già dal minuto 32:50 e termina a 33:50. Appena 60 secondi.

Dunque, un occhio per la visione diurna e uno per la visione notturna. Non sarebbe geniale? 🙂 Chissà che, ora che sta calando il buio su Zoo, non lo vedremo all’opera, a maggior ragione se si tiene conto che i Mink “notturni” sembrano non essere percepibili con l’Osservazione. O magari, forse, dovremo aspettare che qualcuno di nostra conoscenza, tipo Teach, risvegli il suo frutto… 😀

Naturalmente rimane sempre valida l’ipotesi che in realtà sia solo cieco, anche se non mi convince molto.

Voi che ne pensate? Vedremo forse lo sharingan? XD

Alla prossima!

Ray

 

4.05/5 (19)

Dacci la tua valutazione!

  • La questione dell’occhio di Zoro l’avevo derubricata da parecchio ormai, complici i tempi biblici di Oda, ma leggere il tuo articolo me l’ha fatta tornare in mente: secondo me effettivamente è strano che non l’abbia mai aperto nemmeno per mostrare che sia cieco, però sulla teoria che offri (abituarsi al buio) non concordo troppo, mi vengono in mente due spiegazioni molto più “shonen” e una delle due che s’incastra proprio con il personaggio in particolare. Secondo la prima, molto semplicemente lui non ha ancora fatto sul serio dal timeskip (a differenza di Rufy con Doflamingo) e al primo scontro serio lo aprirà per sfoderare qualche tecnica particolare, usare un haki dell’osservazione avanzato (contando che non sembra proprio un drago in questa variante, un po’ come il suo capitano: non a caso l’esperto tra i tre è Sanji). Una seconda idea potrebbe ricollegarsi alla sua aura demoniaca che traspare fin da Enies Lobby con l’Ashura e via via nel resto del manga, anche recentemente abbiamo visto che l’attivazione del suo haki dell’armatura avviene con una specie di aura “maligna” intorno alle mani. In ogni caso vedremo, a mio parere non prima di Wa, a Zou è difficile che debba impegnarsi.